Dessena, il destino di un ragazzo sfortunato

Il Brescia nel destino e una carriera che di certo non gli ha sorriso come doveva. Daniele Dessena è il nostro protagonista di oggi, per l’appuntamento “Parliamo di Serie A“.

Abbiamo scelto un argomento duro e difficile. Un argomento che riguarda un singolo uomo, e non una cosa in particolare. Un ragazzo che dalla sua carriera doveva aver risposte ben diverse. Una promessa che purtroppo non è mai riuscita a sbocciare definitivamente. Il destino però, ha avuto la sua importante parte.

Il calcio è uno sport duro, di contatto. Un calciatore, quando scende in campo, sa di rischiare sempre qualcosa: fa parte dei “rischi del mestiere”.

La fortuna però contribuisce e come. Daniele ha già subito un gravissimo infortunio a tibia e perone nel 2015, proprio nel suo campo, quello del Brescia.

Si attendono gli esami per scongiurare l’ennesima tegola per Dessena

Come 4 anni fa, di nuovo il grande spavento. La speranza è che sia solo una forte contusione e niente di grave, ma dopo quello che ha dovuto passare, è normale provare paura.

Una carriera che lo vedeva come giovane promessa nel Parma dei grandi, quello di Gilardino, che trascinava i suoi verso le notti di Coppa Uefa.

Una promessa non proprio mantenuta, nonostante la voglia e la determinazione, in campo, non è mai mancata. Tra Sampdoria e Cagliari gli anni migliori. Ma proprio in Sardegna ha vissuto le sue stagioni più redditizie, rimanendo anche in Serie B, con la fascia da capitano.

Ma il suo destino è sul campo delle rondinelle, dove la gamba gli fa crack una prima volta, in maglia rossoblu, ed ora, la speranza è che non sia come prima.

L’ultima giornata di Serie A ci regala questo, un verdetto speriamo non tragico, perché tutto il calcio italiano, e non solo, prega per Daniele Dessena, un ragazzo sfortunato.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *