Pozzovivo senza squadra, non un bel gesto

La stagione di ciclismo è praticamente giunta al termine. Si cominciano a tirare conclusioni dell’annata, e soprattutto, si inizia a pensare al 2020. Un anno che, per il momento, inizia male per il nostro veterano Domenico Pozzovivo.

La Bahrain Merida ha deciso di non rinnovare il contratto del lucano. Domenico sta recuperando da un grave infortunio dopo la caduta nello scorso agosto, durante un allenamento pre-Vuelta.

L’età complica di sicuro un rientro in gruppo scontato e veloce, ma la determinazione di un ciclista della sua caratura non va sottovalutata, e la scelta della sua oramai ex squadra, non è un bel messaggio di riconoscenza.

Pozzovivo, quel grande scalatore che un ultima occasione meritava

Siamo sicuri che la carriera di Pozzovivo non è giunta al termine. Compierà a breve 37 anni, è vero, come è vero che l’infortunio è senza dubbio grave, soprattutto per uno della sua età.

Nonostante ciò, la classe del lucano non si discute. Uno scalatore forte, che in gruppo può ancora dire la sua. La sua esperienza, e la sua classe, non passa in secondo piano, e senza ombra di dubbio, è più forte di tanti componenti del grande plotone del ciclismo.

Non sarà più un riferimento da prima linea, un killer da cacciatore di grandi Giri, ma la sua esperienza è punto di riferimento per i vari capitani, giovani o non. Vincenzo Nibali lo sa, alla Bahrain il Pozzo è stato più che utile.

Questo è per marcare ancora una volta la scelta della squadra bahreinita, non una decisione di classe. Un ultimo anno, da grande squadra, il Pozzo se lo meritava. Accompagnarlo durante la guarigione definitiva e il rientro in gruppo poi, sarebbe stata la giusta riconoscenza alla sua carriera.

Una causa che scagiona la Bahrain

Purtroppo la squadra dell’ormai ex Nibali, è in una fase di rifondazione e cambiamento. Tanti gli addii, dallo stesso siciliano fino appunto, a Pozzovivo.

Una rifondazione che era bisognosa per la squadra bahreinita, e che purtroppo coinvolge il nostro Pozzo, in un momento difficile.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *