Conte e l’Inter si prendono il derby e non solo

E’ stata, senza ombra di dubbio, la serata del tecnico pugliese. Antonio Conte vince il primo confronto stagionale con il “cugino” milanista Giampaolo, e si prende la prima vera soddisfazione sulla panchina dell’Inter.

Il derby di Milano dunque, rimane ancora nerazzurro. Il Milan non riesce più a trovare la vittoria dal 2016, quando sulla panchina del Diavolo sedeva Mihajlovic.

I demeriti i rossoneri ne hanno tanti ma, la squadra dell’ex CT della nazionale è stata perfetta in tutti i sensi.

Il derby la prima soddisfazione di Conte, ma la classifica viene per prima

Dopo una settimana problematica, fatta di alti e bassi per l’Inter, con una prestazione non convincente contro l’Udinese, e l’esordio in Champions sulla panchina milanese che sicuramente avrà voluto cancellare velocemente.

Con lo Slavia è stato un pareggio dal sapore di sconfitta, un inizio che sicuramente non si aspettava nessuno, considerando anche il girone di ferro in cui è finita l’Inter.

Ma la forza di Antonio Conte è proprio questa: ripartire subito dopo le delusioni, e prendersi con forza un successo che lo lancia subito nelle gerarchie del campionato.

L’Inter controsorpassa la Juve in vetta, e si prende la quarta vittoria su quattro partite. Conte è maniacale, vuole la perfezione, e come ha sempre raccontato, se la sua squadra perde, lui non dorme.

E’ un professionista da ammirare, capace di trasformare, grazie alla sua professionalità, una rivalità, con la tifoseria nerazzurra, in una nuova esperienza.

Non può nascondere il suo passato da juventino, prima da calciatore e poi da allenatore. Bandiera e capitano della rivale di sempre dei nerazzurri. Ma essere un allenatore professionista comporta anche questo: ad andare contro il proprio passato, e sedersi su una panchina, fin li odiata, facendo il proprio lavoro e diventando il primo tifoso della squadra.

Questo può essere una delusione per il tifo juventino, ma per chi ama lo sport, e il calcio, deve essere la dimostrazione di fair play e di bravura di qualsiasi essere umano.

La stagione è appena iniziata, ma Conte è tornato in Italia, ed ora come ora, ha dichiarato guerra allo scudetto della Juve, e probabilmente, solo la sua Inter può riuscire nell’impresa.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *