Tardelli compie 65 anni. L’urlo italiano rimasto nel cuore

Oggi riparte ufficialmente il nostro campionato, la Serie A. Per orgoglio, il nostro puro orgoglio, lo chiameremo sempre il “campionato più bello del mondo”. Ma di anni ne sono passati, e al di la di qualche eccezione, quel bel campionato, nel Bel Paese, è cambiato parecchio. Non è più la Serie A dei tempi dei grandi campioni, quelli di gente come Marco Tardelli, che ci ha resi grandi in tutto il mondo.

Marco compie oggi 65 anni, in una giornata speciale per il calcio italiano che si prepara a vivere un altra emozionante stagione.

Quell’urlo di Tardelli che rimarrà impresso per sempre

“Dopo che segnai, tutta la vita mi passò davanti. La stessa sensazione che, si dice, si ha quando stai per morire. La gioia di segnare in una finale di Coppa del Mondo fu immensa, qualcosa che sognavo da bambino, e la mia esultanza fu una sorta di liberazione per aver realizzato quel sogno. Sono nato con quel grido dentro di me, e quello fu l’esatto momento in cui venne fuori”

MARCO TARDELLI SUL GOL DEL 2-0 DELLA FINALE MONDIALE ITALIA-GERMANIA OVEST DEL 1982

Una celebrazione che è diventata leggenda. Se dici Marco Tardelli, ripensi subito a quel Mondiale magico, quello del 1982, dove la cavalcata degli azzurri di Bearzot fu poesia allo stato puro.

Quel giovane ragazzo, dagli inserimenti abili col vizio del gol, aveva colpito ancora. Era il sue secondo gol in quel mondiale, e ironia della sorte, fu anche l’ultimo nella sua lunga carriera azzurra.

Oggi compie 65 anni si, ma la mente va a retroso, a cercare quelle immagini, quella faccia che urlava “Gol” e veniva tagliata dalle lacrime che scendevano dall’emozione.

Beh oggi il calcio è un altra cosa, quell’emozione pura, provata da Marco nell’82 difficilmente la si rivive.

Inutile citare la sua bellissima carriera, divisa tra Juve e Inter tra le più importanti, quell’esultanza è nella nostra storia, e per augurare un felice compleanno a Marco Tardelli, non c’è niente di meglio che rivedere quelle immagini indimenticabili.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *