Iannone, 30 anni e una carriera da riprendere

Più gossip che pista. Si può sintetizzare così, gli ultimi anni di motomondiale per il nostro Andrea Iannone.

Oggi il pilota abruzzese compie 30 anni. I migliori auguri gli arriveranno in pista, dove sono in corso le prove libere del gran premio d’Austria. Guarda caso dove lui stesso ha vinto, per l’ultima volta in carriera, nel 2016, quando era in sella alla Ducati ufficiale.

Da li un lento declino. L’addio a Ducati, il passaggio in Suzuki poco fortunato, e l’approdo in Aprilia, dove rincalza posizioni che sicuramente poco gli competono. Come dice lui stesso però, la squadra dell’Aprilia MotoGp 2019 viene dalla Moto3, e i ritmi in classe regina sono completamente diversi. L’obiettivo per Andrea è tornare in alto, con o senza la casa motociclistica italiana. Un obiettivo molto duro al momento.

Ritornare Andrea Iannone, la grande speranza che abbiamo abbandonato in Moto2

Quei mondiali giocati all’ultimo respiro in Moto 2, purtroppo, sono oramai un lontano ricordo. Tre terzi posti e un po’ di discontinuità, gli sono costati i titoli in quei tempi. Ma quell’Andrea Iannone faceva innamorare chiunque, e non solo le grandi donne dello spettacolo. Quel ragazzo aveva, ed ha tutt’ora, un grande talento. Solo che ai tempi, a nostra veduta, lo sprigionava come non mai in pista, meritandosi anche l’appellativo, dato a molti comunque, dell’erede di Valentino Rossi.

Le speranze purtroppo non sono state mantenute, nonostante un buon avvio in MotoGP. Il passaggio alla Ducati ufficiale ha segnato un percorso importante per la casa di Borgo Panigale. Quando però si doveva lasciar spazio a Lorenzo, il sacrificato è stato per forza di cose lui.

La Suzuki era la moto per rinascere, perché il potenziale c’era e c’è ancora, vedi Rins. La testa e la poca lucidità delle ultime apparizioni però, hanno fatto la differenza.

Quel grandissimo talento noi lo vediamo ancora, e oggi che compie 30 anni gli auguriamo un futuro molto più roseo di quello che sembra attendergli. Iannone avrà sbagliato qualcosa nella sua carriera, ma è uno dei nostri miglior piloti in circolazione, e qualche altra soddisfazione se la meriterebbe.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *