Movistar, dal disastro Tour all’addio dei big

E alla fine ne rimarrà solo e soltanto uno. La Movistar, una delle potenze maggiori nel Word Tour e nel ciclismo moderno in generale, comincia a smobilitarsi. I campioni se ne vanno, per cercare una nuova avventura, un nuovo punto della propria carriera.

C’è chi se ne va per necessità, per ritrovare se stesso e chi era, come Quintana, e chi invece vuole una squadra tutta per lui, capace di fargli vincere un grande giro, e questo è il caso di Landa.

Poi c’è il caso Carapaz, che ha sposato la causa soldi e popolarità, perché il futuro può essere lui.

Per finire c’è lui, l’eterno, “El Imbatido”, Valverde che sembra non voler mai abdicare dal mondo del professionismo, e si prepara, per un anno ancora, ad essere portabandiera del team spagnolo.

Carapaz e Landa via dalla Movistar per vincere

Due storie che si intrecciano, ma che, per Mikel Landa almeno, non sarà mai un bel ricordo. Partito per essere il capitano designato al Giro, si è ritrovato a dover festeggiare la rosa del suo compagno, Richard Carapaz.

E’ da qui che probabilmente il basco ha deciso di cambiare ancora. Il gregario non lo vuole più fare, Landa vuole essere leader assoluto, e la Bahrein Merida è fatta apposta per lui e per il suo futuro.

Chi invece fa un salto di qualità, è sicuramente il vincitore del Giro 2019, Richard Carapaz. L’ecuadoriano ha firmato con i colossi del Team Ineos, e lo attende un importante salto di qualità da fare.

Un Quintana da ritrovare o da abbandonare

E’ brutto dirsi, ma Nairo Quintana non è più quello di una volta. Il Giro vinto nel 2014 è solo un lontano ricordo. I podi al Tour nel corso degli anni, non lo hanno reso quel grande ciclista che tutti si aspettavano.

Nell’ultimo Tour una gran bella vittoria, ma nulla di più, l’obiettivo era ben altro, e non un normale posto in classifica.

L’Arkea-Samsic sarà la sua prossima prospettiva. Non una squadra da top class, ma una necessità per provare a rinascere, alla soglia dei 30 anni.

Valverde e il futuro per Movistar

Il futuro della Movistar? Tutto da verificare. Il ciclomercato è iniziato da poco, e può succedere di tutto, ma l’unica certezza, ancora una volta, sarà Alejandro Valverde. Il campione del mondo dalla prossima stagione rimarrà da solo dai big, ma con qualche innesto giovane che può rilanciare la Movistar. Innesti come il giovane spagnolo Mas, che insieme al già presente Soler, potrebbero rappresentare il nuovo corso della squadra spagnola.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *