Mihajlovic, il peggior nemico per una leucemia

Sinisa Mihajlovic ha la leucemia. La notizia di una malattia che ha coinvolto l’allenatore del Bologna ha invaso la giornata calcistica di ieri. La conferenza stampa dell’ex giocatore di Lazio e Inter tra le altre, è stata toccante, avvincente. Un atto di sfida a questa malattia, che ha sfidato la persona peggiore al mondo. Un uomo che sulla grinta ha costruito una carriera intera, e che questa sfida, per quanto spaventosa, sarà affrontata con la cattiveria che da sempre contraddistingue Sinisa.

Il mondo del calcio si stringe intorno a Mihajlovic, una persona che non si arrende mai

“Ho la leucemia. Affronto la malattia a testa alta, la malattia è aggressiva ma la vincerò. Giocherò per vincere, non per perdere. Questa sfida la vincerò, la vincerò per me, per mia moglie, per la mia famiglia e per tutti quelli che mi vogliono bene che sono parecchi.”

E’ una battaglia dura da vincere, ma nessun altro come Sinisa Mihajlovic, può essere più forte di fronte a questa brutta notizia. Ci stanno le lacrime, anche quelle di paura, quelle che Sinisa ha detto di non avere, ma li per li chiunque soffre. La paura di abbandonare una famiglia che lo ama, un ambiente che lo stima, soprattutto dopo quello che ha fatto nella scorsa stagione.

Quella paura però va affrontata, lo dovrebbe fare chiunque, e uno come il serbo di certo questa battaglia, o meglio questa partita, come dice lui, ci parte favorito. Sarà dura, ma Mihajlovic è un avversario tosto, un guerriero. Ha dimostrato prima in campo, e poi in panchina, di essere una persona dura a morire, capace di superare qualsiasi sfida, anche la più tosta di tutte.

Tutto questo è l’ennesima sfida, ma questa volta non sarà da solo contro tutti. La gente gli vuole bene. Chi lascia il segno in maniera positiva, prima o poi viene ripagata. Un uomo vero, giusto, che avrà al suo fianco tutto l’affetto e il supporto della gente, la sua gente.

Ora forza Sinisa, combatti per noi e con noi, perché quella panchina a Bologna ti aspetta, e il mondo del calcio non vede l’ora di riabbracciarti.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *