Pozzecco è un esempio da prendere, non solo per il basket

Può non stare simpatico a tutti. Allo stesso tempo può andare troppo sopra le righe, ma Gianmarco Pozzecco è quella persona che sa essere, grazie alla sua intraprendenza, l’anello di diversità nel basket italiano e non solo.

Quella persona carismatica capace di trascinare un movimento intero. Non solo il basket quindi, ma tutto lo sport italiano dovrebbe prendere l’esempio dall’allenatore della Dinamo Sassari.

L’ennesimo show di Pozzecco, quello che fa riflettere nel bene o nel male

La mente ora è più fredda perché di ore ne sono passate dalla Gara 5 della finale tra la Dinamo Sassari e la Reyer Venezia. Un match che ha visto i padroni di casa di Venezia dominare e controllare la partita, anche se nel finale c’è stato il rischio di riportare sotto la squadra di Pozzecco. Ciò non è avvenuto, e per come è andato il match è giusto così. Quello che è poi successo nella conferenza stampa è il solito show, che piaccia o meno, che lo rende unico.

Pozzecco si è riferito (“io non piango”), al mister della Reyer, De Raffaele, che più volte ha criticato l’arbitraggio in questa finale. Questa volta però nulla da dire, se non lo sfogo di Gianmarco, che dall’alto della sua esperienza e professionalità, ha difeso la sua squadra, i suoi giocatori. In particolar modo Stefano Gentile, uscito infortunato. Per lui sono tutti come figli, e lo show fatto in conferenza ci sta, rispecchia la sua personalità.

Questa sera ci sarà Gara 6 che può essere decisiva, proprio come è successo in NBA, ma Sassari non starà li a non far nulla.

Nessun favorito, nessun tifo, solo imparzialità. Ma “l’arroganza” e la determinazione che ci mette il mister della Dinamo fa emozionare. Tutto ciò fa vivere lo sport in maniera diversa, come in realtà dovrebbe essere nel principio.

Pozzecco è patrimonio del nostro basket, del nostro sport, è qualcuno che ha idee chiare per il futuro ed andrebbe ascoltato di più.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *