Buffon e Parigi, un bell’amore interrotto inaspettatamente

Inaspettatamente, o forse no. Gigi Buffon e Parigi, una città che lo ha accolto e coccolato per un anno intero, si dicono addio. Probabilmente non è stata una decisione semplice da prendere, soprattutto per come sono andate le cose.

Il Paris Saint German, da come si è appreso, la sua offerta al portierone ex Juve l’aveva anche fatta, ma Gigi, dopo attente riflessioni, ha deciso di interrompere la sua breve, ma intensa, storia d’amore con il club parigino.

Buffon e Parigi, un addio con un campionato e una supercoppa

Non lo ha mai nascosto Super Gigi che, in terra francese, si trovasse più che bene. Il messaggio social di ieri citando Hemingway, appena dopo l’annuncio del club, ha fatto intendere che il suo amore per il PSG era più che vero. Una storia ricambiata però, perché i tifosi, i compagni di squadra, tutti facevano affidamento al portiere campione del mondo del 2006.

E allora, nonostante tutto questo, nonostante le cose, al di la della Champions, sono andate tutte nel verso giusto, perché questa separazione?

Difficile da dire, ma di certo di mezzo ci sta l’orgoglio di un grande campione, che sa cosa è il meglio per la squadra. Si può trattare di un ripetersi dell‘addio di 12 mesi fa alla Juventus, un qualcosa di molto simile.

Buffon e Parigi, un amore interrotto perché alla squadra di Neymar e compagni, ora serve ben altro, per cercare di rompere la maledizione Champions. Quella maledetta coppa che purtroppo il nostro ex numero 1 azzurro si continua a portare dietro, e che difficilmente oramai conquisterà. Se ne va dalla città della Tour Eiffel comunque con un buon bottino. La supercoppa e soprattutto il campionato, l’ottavo di fila per il campione di Carrara.

America, Cina o altro ancora nel futuro di Buffon?

Se è stato difficile da capire la separazione di due cose che funzionavano, sarà comunque interessante svelare le carte sul futuro di Gigi Buffon. Di ritiro pare che non se ne parli, almeno per un altro anno. E’ un professionista, ha nella cura del suo corpo, degli allenamenti, un attenzione maniacale, che ora come ora fa solo pensare ad un proseguo della carriera. Dove però è difficile dirlo.

L’ipotesi dei soldi cinesi sembra scartata, anche perché uno come Gigi non pensiamo che vada da quella parte del mondo. Può essere invece tentazione l’America e la MLS, un campionato in evoluzione che permetterebbe un buon finale di carriera.

Non ci sono da escludere altri grandi top club d’Europa, che potrebbero avvalersi dell’esperienza del numero 1. Impossibile, o per lo meno molto improbabile un suo ritorno in Serie A, dove l’amore per i tifosi bianconeri regna su di lui.

Non ci resta che attendere, e prepararsi a godere dell’ultimo, probabile, anno da calciatore del nostro eroe di Berlino.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *