Tuffi: ritorno Cagnotto-Dallapè, oro Bertocchi-Pellacani

Trampolino 3 metri, assoluti italiani di Bolzano. Nella prima giornata di gare di tuffi (ieri, 24 maggio), si sono riviste insieme, dopo quasi 3 anni, le olimpioniche Cagnotto-Dallapè.

Tania e Francesca, dopo mesi di allenamento, sono ufficialmente tornate a gareggiare, proprio nel paese natale della Cagnotto. Il sogno resta l’Olimpiade di Tokyo, e con questa gara, Tania e Francesca, hanno finalmente rotto il ghiaccio.

Il risultato, alla fine, è anche quello migliore e più attendibile: una medaglia d’argento che va bene a tutti. Di meglio in questo momento non si poteva fare. Davanti alla splendida coppia, che tante gioie ci ha regalato, si sono piazzate le loro eredi, le campionesse europee in carica Elena Bertocchi e Chiara Pellacani.

Dalle mamme Cagnotto-Dallapè alle loro eredi di grandi speranze

Le parole di Cagnotto-Dallapè, prima di intraprendere questa nuova avventura, sono state chiare: se riusciamo nell’impresa bene, sennò lasceremo che sia chi se lo merita più di noi ad andare avanti”.

Questa scelta di tornare, per Tania e Francesca, è stata accolta con grande gioia da tutti, ma per il bene dei tuffi italiani si spera che tutto ciò non intralci la crescita di due ragazze super promettenti come Elena e Chiara.

La maternità che ha portato a due splendide bambine per Tania e Francesca è oramai passata. Ora nell’aria c’è la voglia di gareggiare, tornare a respirare quella sensazione che solo i grandi campioni provano. Tornare sul tetto del mondo, o per lo meno a competere con le più forti non sarà facile, per questo non è detto che l’obiettivo della qualificazione a Tokyo sia raggiunto, ma le due grandi amiche sono qui per provarci.

D’altro canto ci sono due giovani promesse che continuano nel loro percorso di crescita e non intendono fermarsi qui. Tokyo è il sogno più grande per Elena e Chiara, qualcosa di davvero grande che proveranno a raggiungere in tutti i modi.

Se ci sarà bisogno di battere anche le campionesse, il mito con cui sono cresciute, ben venga. Questo è lo sport, l’evoluzione incancellabile che avviene nella vita.

 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *