Dumoulin ora lotta per l’onore e la bellezza del Giro

Ti prepari per mesi e mesi solo per un appuntamento, e poi ti ritrovi a mani vuote, con il rischio di aver perso tutto. Questo è successo a Vincenzo Nibali la scorsa stagione al Tour de France. La stessa cattiva sorte ha colto, seppur in maniera diversa, il vincitore del Giro 2017, l’olandese Tom Dumoulin.

Per lo squalo si verificò una caduta incredibile, dovuta da uno spettatore, che gli fece chiudere anzitempo il Tour e spegnere ogni speranza futura visto la frattura riportata.

Per Dumoulin il discorso è diverso, la caduta è una di quelle più beffarde. Una tappa che non doveva compromettere niente, in cui non doveva succedere nulla di particolare, si è verificato il fini mondo. Le cadute nel ciclismo, fanno parte delle corse, purtroppo. Quando però, un atleta ci rimette il proprio obiettivo in essa, fa veramente male. Un conto è perdere ciò per cui hai lottato nelle fasi della gara. Perdere tutto in una caduta, porta dispiacere e dolore, non solo fisico.

Tom Dumoulin probabilmente ieri ci ha rimesso il suo Giro d’Italia. Lo svantaggio accumulato sul traguardo è troppo da recuperare, anche per un forte ciclista come lui. Tutto ciò fa male e da fastidio, e siamo certi che questo non è ciò che meritava l’olandese.

Dumoulin comunque presente alla partenza delle Quinta Tappa

Escluse fratture. Solo tanto sangue, quello che abbiamo visto anche in diretta, e gonfiore. Poi il dolore, che sicuramente accompagnerà per un po’ di tempo Tom, ma nonostante tutto, il corridore è ai nastri di partenza di questa quinta tappa.

Tutto ciò gli fa grande onore. E’ vero, la tappa non è delle più impegnative, ma sicuramente il dolore si farà sentire, e l’olandese dovrà stringere i denti. Arrivare a Terracina per poter ragionare un giorno in più, per rimettere a posto le idee. Quelle sensazioni che, ora come ora, sono completamente confuse, visto la tipologia di Giro che si aspettava.

Dumoulin era il favorito a questo Giro, uno degli uomini da battere. La sua forma fisica ora sarà da valutare, ma recuperare quello svantaggio, anche in perfette condizioni, sarebbe difficile, se non impossibile.

E allora Tom, ti rimane l’onore, e la voglia di andare avanti. Perché hai sempre detto di amare il Giro, e lo vuoi onorare come sempre hai fatto.

Ora l’olandese correrà per dimostrare che è il più forte, e per portare a casa una tappa, una gioia, che lo renda felice e gli faccia dimenticare questo brutto momento.

Please follow and like us:
error

Un pensiero riguardo “Dumoulin ora lotta per l’onore e la bellezza del Giro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *