Leonard da sogno, i Raptors in finale di Conference

Una gara 7 in NBA è quel picco di adrenalina che ti entra e non esce più. Soprattutto quando una partita è combattuta fino alla fine, fino al suono della sirena. Poi il canestro più bello, quello all’ultimo secondo, sul suono finale che regala uno dei più belli buzzer beater della storia. Quattro rimbalzi sul ferro e palla che si insacca, Kawhi Leonard nella storia con i suoi Raptors.

Toronto Raptors all’ultimo respiro, batte Philadelphia e si prende la finale di Conference, dove ad attenderli ci saranno i Milwaukee Bucks di Antetokounmpo.

Partita al limite, 92-90 il finale, con Leonard emozionante

Una partita, alla fine, equilibrata, con il terzo parziale che ha visto i Sixers provare a ribaltare a proprio favore la sfida. La difesa però non è stata quella delle migliori serate, i 16 rimbalzi offensivi conquistati dai Raptors ne sono l’esempio. La voglia di arrivare sempre primi sulle seconde palle ha fatto la differenza.

Alla fine ha prevalso la voglia dei padroni di casa, contro un quintetto veramente forte di Philadelphia, che può tornare ad essere protagonista dalla prossima stagione.

Un quintetto appunto che ha chiuso in doppia cifra in tutti i suoi elementi. Ma non sono bastati i 21 punti di Embiid, i 13 di Simmons, con appunto Redick, Butler e Harris da protagonisti (17,16,15 a testa).

Tutto ciò non è servito perché dall’altra parte c’è un uomo capace di fare la differenza come mai ha fatto in carriera. D’altronde è stato acquistato per questo dai Raptors.

Anche questa notte, Leonard, è stato impressionante. Non solo per il canestro sulla sirena che vale la finale di Conference, ma per una prestazione, ancora una volta, mostruosa. Sono 41 punti, 8 rimbalzi e 3 assist per Kawhi, capace di mettere a referto una grandissima prestazione anche sotto le marcature a turno di Simmons e Embiid.

Con un Leonard così in forma, Toronto può sognare in grande. Davantiora c’è una sfida dura, contro Giannis e i suoi, ma tutto può succedere nello spettacolo NBA.

 

 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *