Baldassarri e quella tradizione da mantenere in Moto2

Chi ben inizia è a metà dell’opera. La prima gara della stagione del Motomondiale 2019 è attesissima e in Moto2 è subito Italia al comando. Lorenzo Baldassarri vince e convince in Qatar.

Una vittoria al cardiopalma, dopo aver dominato l’intera gara. In testa dall’inizio alla fine, con il brivido finale chiamato Luthi.

Lo svizzero è stato autore di una grande rimonta, girando sempre costante nel finale e regalando grande spettacolo.

Thomas Luthi ha agganciato il Balda al termine del penultimo giro, ma Lorenzo è stato grandissimo nella difesa della sua vittoria.

Un ultimo giro da brividi, dove Baldassarri non si è disunito, e si è preso quello che si è guadagnato alla grande.

Negli ultimi 3 anni, tre italiani alla vittoria in Qatar, grande segnale per Baldassarri

C’è una tradizione da rispettare, che ci piace anche ricordare. Facendo tutti gli scongiuri possibili, ma negli ultimi due mondiali, chi ha vinto la prima gara in Qatar ha sempre parlato italiano.

Chi ha vinto la prima poi, ha vinto il mondiale.

E’ il caso di Franco Morbidelli nel 2017, dove ha iniziato il dominio del suo primo ed unico mondiale vinto fino a qui.

Ha proseguito su questo trend anche il buon Pecco Bagnaiache ci ha regalato spettacolo nella scorsa stagione.

Lo spettacolo è quello che speriamo ci regali anche Lorenzo Baldassari. Il maceratese prosegue questo buon momento, vincendo la prima del 2019, come i suoi connazionali.

Nel Motomondiale è sempre più presenza italiana. Dopo tanti anni, la prevalenza del tricolore sta tornando, e questo grazie anche alle grandi prestazioni dei nostri piloti in Moto2.

Il Balda ha iniziato alla grande, ma la concorrenza sarà agguerrita per tuttala stagione. Ci sarà da lottare, e parecchio. Alla fine la vittoria andrà a chi avrà più testa e continuità.

Tutto questo Baldassarri sa di averlo, non resta che andare forte e far tremare tutti quanti.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *