Andrea Dovizioso show alla prima in Qatar!

E’ subito una grande MotoGP, che offre spettacolo già dalla prima gara. Lo show vero e proprio però, lo fa Andrea Dovizioso, che regala emozioni e gli ultimi due giri da paura.

Gara da attesa, prima del finale Andrea Dovizioso-Marquez

Una gara di controllo per tutti, almeno fino agli ultimi giri. I primi 9/10 hanno aspettato il momento buono, tenendo un ritmo che comunque non è stato così basso. La paura della durata del pneumatico ha caratterizzato il tutto.

Via via il gruppo si è sgretolato, arrivando fino ai giri finale con il duello Dovi-Marc che si rinnova.

Andrea ha oramai imparato le lezioni assorbite negli anni passati, dando a sua volta una grande lezione al campione del mondo Marquez.

Il 2019 per provarci ancora per il Dovi

andrea dovizioso motogp qatar

La Ducati ha dimostrato che quest’anno non si scherza. La moto c’è e va forte. Per lo meno parte subito alla pari della concorrenza giapponese della Honda.

Il duello poi, è sempre lo stesso, il nostro “Dovi-power” contro il fenomeno spagnolo, Marc Marquez. Uno scontro che continua a rinnovarsi negli ultimi anni, e dove il nostro Dovizioso non vuole darsi per vinto.

Lo scorso anno è stato un momento particolare della carriera del Dovi, reduce dalla sconfitta bruciante del mondiale 2017.

Questo 2019 però, meglio non poteva iniziare. Una gara spettacolare, controllata dall’inizio alla fine.

Rins ha cercato di dare fastidio, spezzando il ritmo della gara, ma Andrea è stato sublime nel gestirlo, controllando ad ogni giro il ritmo del gruppo.

Il duello con Marquez ha restituito tutta la bellezza di questa gara. Una bellezza restituita alla grande da Andrea che ha creato lo spettacolo che tutti noi italiani cerchiamo.

Il Motomondiale è appena iniziato, e ci sarà tanto da divertirsi con una lotta fino alla fine, in cui nessuno è escluso.

E’ l’ennesima occasione per Dovizioso, che ha tra le mani tutto il necessario per provare a strappare l’iride dalle mani del “cabroncito”.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *