Alaphilippe vince, Van Aert ancora eroico a Siena

Era uno dei favoriti alla vigilia, e alla fine non ha deluso le attese. Julian Alaphilippe si è aggiudicato la tredicesima edizione delle Strade Bianche di Siena.

Una vittoria bellissima, in una corsa altrettanto bella. 10

Le Strade Bianche 2019 rincarano la dose verso la voglia di farla diventare la sesta corsa monumento. Una gara che lascia emozioni a non finire, in un paesaggio splendido, avvolto dai lunghi tratti in sterrato che rendono spettacolare la corsa di Siena.

Ogni anno c’è qualcosa da raccontare, ogni edizione lascia un sapore diverso.

Per Alaphilippe è stata la prima partecipazione, e al primo proiettile tirato, non ha sbagliato il bersaglio.

L’attacco avviato da Fuglsang Van Aert è stato battezzato come quello vincente da Alaphilippe. E così è stato. Nessuna fatica a riprendere i due, e nessun problema a battere il danese sul traguardo di Piazza del Campo, dove l’esplosività del francese è stata devastante.

In mezzo al capolavoro di Alaphilippe, la certezza di avere un fenomeno in più in gruppo: Van Aert

alaphilippe strade bianche van aert
(Photo by Tim de Waele/Getty Images)

E’ la giornata di Alaphilippe, ma a brillare in mezzo alla polvere è ancora lui, è di nuovo Wout Van Aert. 

L’anno scorso è arrivato un terzo posto, descritto come un fuoco di paglia, dove il maltempo e il fango avevano favorito il tre volte campione del mondo di ciclocross. Così non è stato, e la conferma è di nuovo arrivata in questa edizione.

Van Aert è molto giovane, e viene da un mondo completamente diverso, come tipologia di corsa, dove la fatica si fa sentire, ma non ai livelli di quella su strada. Serviranno ancora un paio di anni per vedere un corridore perfetto su strada, ma intanto ci godiamo un talento incredibile.

Un fenomeno che non molla mai, anche quando sembra spacciato. Il terzo posto dello scorso anno lo bissa in questo 2019, ma con una differenza enorme, arrivando sul traguardo da vera stella.

Un terzo posto che sa di vittoria: per la rimonta che ha fatto nel finale, per quello che ha dimostrato in tutta la corsa.

Ha fatto ricredere quei pochi che avevano ancora dei dubbi. Ha dato delle risposte forti,a che al vincitore Alaphilippe, perché tra qualche anno, sullo sterrato, ci sarà ancora più battaglia.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *