Red Bull, dalla coppia Verstappen-Gasly al motore Honda

Bella e aggressiva come sempre, con una livrea sperimentale, non ufficiale, da sfoggiare per i primi test della stagione. La Red Bull Aston Martin si presenta al pubblico così, con tanta voglia di stupire e di far divertire gli appassionati della Formula 1.

Presentata nella giornata di ieri, con un annuncio lampo via social, la Red Bull RB15, la nuova monoposto della casa austriaca, che va a fare il pari con la presentazione della scuderia “nemica” della Mercedes.

Livrea accattivante, bella da vedere, anche se è solo in versione sperimentale, la nuova Red Bull presenta delle modifiche importanti, sempre secondo regolamento, per assomigliare di più ai progetti della Ferrari e della Mercedes.

Ha lavorato su aspetti dove era carente, rispetto alla compagnia. Ma la caratteristica più importante è che la nuova RB15 è la prima monoposto motorizzata Honda del team di Mateschitz.

Dopo la buona riuscita dei motori Honda nella scuderia amica della Toro Rosso, nella scorsa stagione, anche la Red Bull ha abbandonato definitivamente i tanti odiati motori Renault, per passare all’ibrido giapponese.

Una scelta coraggiosa, che se risulterà vincente, darà un chiaro messaggio all’ambiente della Formula 1.

La nuova coppia Red Bull: Verstappen-Gasly

Il 2019 e la nuova Red Bull RB15, segna anche il cambio di sedili avvenuto nella scuderia austriaca. E’ la prima monoposto del dopo Ricciardoche ha salutato la compagnia dopo 5 stagioni, per accasarsi alla Renault.

Allora spazio ai giovani, ai talenti maturati in casa. Spazio soprattutto a Max Verstappen come prima guida assoluta. Finite le stagioni a “litigare” con Ricciardo sul sedile più importante in casa Red Bull, ora Max deve completare la sua già grande maturazione, provando a vincere il mondiale.

Compito arduo, vista la concorrenza, ma se qualcuno può fermare la fame di vittoria di Mercedes ed Hamilton, è proprio il talento cristallino di Verstappen.

Al posto dell’australiano quindi, troviamo il giovane prodigio francese, Pierre Gasly, Ventitré anni compiuti da poco, il pilota francese approda alla casa madre, dopo un anno e mezzo trascorso crescendo e maturando sulla Toro Rosso.

Un ragazzo dal grande talento, che può creare grattacapi nelle posizioni di vertice.

Una coppia ben progettata, con un grande futuro, con una macchina che vuole tornare vincente sin da subito. Così si presenta ai nastri di partenza la nuova Red Bull per il 2019. I test di Barcellona daranno le prime risposte a segnali già molto importanti della squadra di Christian Horner.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *