Osaka, la nipponica che ribalta il tennis femminile

Era stata la protagonista, in positivo e in negativo, degli US Open, da lei vinti contro la padrona e beniamina di casa Serena Williams, ma ora entra definitivamente nella storia, dopo la vittoria degli Australian Open, stiamo parlando della giapponese Naomi Osaka.

L’atleta che sta sconvolgendo il mondo del tennis, con la sua semplicità e la sua forza.

Ha vinto in maniera rocambolesca la finale contro la Williams, dopo le proteste e l’accusa all’arbitro della statunitense, ma pur sempre meritando quella vittoria.

La prima giapponese a riuscirci, che diventerà anche la prima numero uno al mondo, dopo la27 performance in Australia.

Perché dopo una finale al cardiopalma, batte la Kvitova, e diventa la nuova regina.

Un back to back storico, che gli ha fatto fare, nel giro, di pochi mesi, un balzo enorme nel ranking mondiale.

Una ragazza timida fuori, ma furiosa in campo, ecco chi è Naomi Osaka

Con le parole non è tanto brava, come dalla stessa Osaka espresso. Ma nel suo fare, nella sua timidezza c’è tutto il bello di questa storia di tennis moderno.

E’ la prima nipponica ad arrivare a tutto ciò, e lei ne è consapevole. Il discorso, dopo la vittoria del suo secondo Slam, va a dimostrazione di tutto. I ringraziamenti verso tutti gli addetti ai lavori, consapevole del fatto che senza di loro, il tennis non c’è.

Ha compiuto 21 anni lo scorso ottobre, ma ha la forza e la determinazione di una veterana.

E’ sicuramente la sorpresa del momento, ed ha tutto per rimanere tale.

La speranza che non sia solo una meteora insomma, ma d’altronde, non è da tutti battere la regina Serena a casa sua.

Dalla sorpresa americana, alla conferma in terra oceanica, a dimostrazione che non tutto è arrivato dal nulla.

La giapponesina che ha stravolto tutto e si vuole prendere tutto quello che c’è nel mondo del tennis femminile.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *