Warriors da record, ancora i favoriti al titolo?

Sempre devastanti. Golden State Warriors da paura questa notte.

Una grande sfida, quella contro Denver Nuggets: partita molto aspettata e sentita, ma è finita tutto nel primo quarto, quando i Warriors hanno deciso di lanciare un segnale importante alla stagione NBA.

L’annata del basket americano è molto lunga, difficile da decifrare all’inizio, con le grandi squadre che partono sempre con il freno a mano tirato.

In qualche occasione però, emergono delle partite spettacolari, dove i grandi ribadiscono di essere tali.

I Warriors hanno fatto questo, dimostrando all’universo NBA che i campioni sono ancora loro.

Curry e compagni danno spettacolo, Warriors primi nella Western Conference

Sono 51, i punti nel primo quarto, record assoluto, superati i 50, fatti segnare dai Phoenix Suns nel lontano 1990.

Basta questo per far capire chi comanda.

Punteggio finale che parla chiaro, 142-111, Nuggets annichiliti e primo posto ad ovest per Golden State, proprio a scapito dei giovani di Denver.

Hanno deciso di vincere, di dimostrare a tutti il proprio valore. E non contro una squadra qualsiasi, bensì contro i più in forma del momento, forse la rivelazione vera e propria della Western Conference.

“Dovevamo cominciare bene contro una squadra così in forma” le parole di Curry, protagonista, come al solito, dei suoi Warriors, che fanno riferimento al primo quarto devastante dei suoi.

Sono 31 punti per il fenomeno Steph, come per Klay Thompson. A referto con 27 invece Kevin Durant, con un grande Draymond Green che regala 13 assist ai Golden State.

Poche parole, subito i fatti. Come un diesel, i Warriors ci stanno mettendo un po’ a carburare, ma la prestazione di stanotte ha ribadito a tutti chi sono i campioni in carica.

I favoriti al titolo non cambiano insomma.

Una cosa è certa, negli ultimi anni in NBA comandano sempre le stesse squadre, o potremmo dire, comandano i Golden State Warriors.

A qualcuno questo non va bene, ma questa squadra, con i suoi giocatori, e con la loro esperienza, non possono che non comandare al momento.

Curry e Durant trascinano di pari passo i loro compagni, con le fasi più importanti che stanno per arrivare, e la loro forza si farà sentire sempre di più.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *