Foconi d’oro nella seconda prova di Coppa del Mondo

Non è una novità, non lo sarà mai. Nella Scherma, o meglio nel Fioretto siamo sempre li, sul tetto del mondo, capaci di insegnare a tutti l’arte dello schermidore. Che sia femminile o maschile non è importanza, l’Italia è sempre li davanti a tutti. Nella prova di Coppa del Mondo di Parigi, nella giornata di ieri, c’è stata l’ennesima affermazione nel fioretto maschile, grazie al solito Alessio Foconi.

Momento d’oro, in tutti i sensi, per lo schermidore ternano. Foconi è partito come il favorito numero 1, ed ha onorato l’impegno, facendo un percorso netto e battendo in finale lo statunitense Meinhardt. Una vendetta, nei confronti dell’americano, visto che aveva eliminato in semifinale l’altro azzurro, Giorgio Avola, arrivato quindi al podio.

Alessio Foconi non smette più di vincere

 

Torniamo indietro a questa estate con la memoria, quando dopo 7 lunghi anni, Alessio Foconi riporta il fioretto maschile sul trono mondiale, in quel di Wuxi.

Li furono Foconi e Alice Volpi a fare grande l’Italia. Una striscia di successi iniziata in Cina quindi, e proseguita fino a Parigi, dove il fiorettista umbro conferma le sue qualità e il suo gran momento di forma.

Una specialità a noi cara si, ma il ricambio generazionale sta diventando un punto di forza, quel qualcosa che non manca mai. Questo è il potenziale dello squadrone azzurro, capace di non deludere mai.

Alessio Foconi conferma la sua forza e punta diritto al mondiale di Budapest, per non mollare l’iridi che gli appartiene.

Trent’anni e una lunga gavetta, quella che è servita, al ragazzo umbro, per arrivare fino a qui.

Non è stato uno dei giovani più forti, ma l’allenamento e la tenacia non è mai mancata, e per questo è arrivato fino a qui. Ora non si può più sbagliare, e il suo momento d’oro non può finire.

Questo dipende tutto da lui, per continuare a far sognare i colori azzurri, e soprattutto, per non svegliarsi mai da questo sogno, che lo sta accompagnando da diversi mesi.

 

 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *