Missy Franklin, dal sogno olimpico all’amore per la famiglia

Parliamo e viviamo di sport. Lo amiamo, perché entra a far parte della nostra vita. Per un atleta è ancora più dura, specie nel quotidiano, negli allenamenti e in tutto quello che devono fare per rimanere sempre ad alti livelli. Di sacrifici ne ha fatti tanti Melissa “Missy” Franklin, stella del nuoto USA.21

Quelle fatiche però, non è più disposta a farle, ha detto basta. Lo ha fatto a 23 anni, quando potrebbe ancora dire tanto al mondo del nuoto, ma si ferma qui.

Nella vita non esiste solo lo sport, per quanto ci appassiona, bisogna guardare oltre. Missy ci ha riflettuto, e ci ha messo un po’, come da lei stessa annunciato. È arrivata alla decisione finale, quella del ritiro.

Un talento cristallino che ha devastato le piscine di tutto il mondo, ma negli ultimi anni ha dovuto lottare contro il suo fisico.

Quella maledetta spalla ha vinto la battaglia, l’ha costretta a dire basta. Un problema fisico, un dolore, che Missy Franklin non vuole più ascoltare, è arrivata al limite.

Quel triennio d’oro, dove tutto è iniziato e tutto è finito per Missy Franklin

(AP Photo/Michael Sohn, files)

Classe 1995, dal fisico spaventoso per una donna, e dalla forza impressionante.

Esplosa subito, da giovanissima, con quel triennio magico che le ha regalato tutto quello che c’era da prendere, tra il 2010 e il 2013.

Il mondiale del 2011 a Shanghai che porta le prime medaglie, e poi Londra 2012, l’Olimpiade che lascia il segno, con 4 ori e un bronzo, che la certificano come la donna più medagliata della rassegna olimpica.

Il mondiale del 2013 che porta ancora gioie, ma poi arriva il buio, l’infortunio, e la fine di un sogno che doveva ancora dare conferme.

Melissa Franklin si è sentita tradita dal suo corpo, dal dolore che gli provoca. L’impossibilità di essere come prima, tutto questo gli ha fatto pronunciare quella scomoda parola per un atleta.

D’altronde non esiste solo sport, e per Melissa il futuro, vuol dire famiglia, amore e crescere dei figli, da cui poter imparare ancora di più.

La sua lettera d’addio è stata da pelle d’oca, ha fatto riflettere, e tanto. Nel mondo di oggi, corriamo tutti molto veloce, senza pensare mai a cosa ci serve veramente. Missy Franklin si è fermata, si è guardata, ed è arrivata ad una conclusione: vuole stare bene.

Per essere felice, non vuole più lottare contro il suo male, ma vuole prendersi il bene che gli spetta. Non si punta solo a delle medaglie nella vita, perché il premio più grande, a volte, è quello che diamo per scontato, ovvero l’amore.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *