Analisi e Highlights della 17esima giornata di A

Si avvicina Natale, e per la prima volta, la Serie A, non si ferma. Tutto in un giorno, nel sabato di A va in scena la 17esima giornata.

La Lazio riparte e asfalta il Cagliari nell’anticipo della 17esima giornata

Torna la bella Lazio, domina il primo tempo e porta a casa, con il risultato finale di 3-1, un importante vittoria per la squadra di Simone Inzaghi. Male il Cagliari che conferma le grandi difficoltà fuori dalle mura amiche. Per i biancocelesti vittoria che vale il quarto posto in classifica.

Le partite della 15 del sabato della 17esima giornata

Il Milan cade in casa, Chiesa regala sorrisi alla viola

In crisi, senza centrocampo, con gli uomini contati, il Milan cade in casa e saluta momentaneamente la zona Champions. Una partita non bellissima, con poche occasioni, ma il lampo di Chiesa regala gioie immense a Pioli e alla sua Fiorentina.

Lotta per l’Europa sempre più avvincente, con Gattuso che dovrà assolutamente fare risultati nelle prossime due partite.

Vince il Napoli, ma ringrazia Meret

Decide un gol allo scadere del primo tempo di Albiol. Basta questo al Napoli, che batte la Spal e continua nel suo inseguimento alla Juventus capolista.

Ha dovuto soffrire la squadra campana, con ringraziamenti particolari all’ex Meret, che salva il risultato in più di un occasione.

Zona Europa, pareggio tra Sassuolo e Torino, vince la Samp e il Genoa

Tre partite molto divertenti e tanta voglia di rimanere aggrappati alla zona Europa.

Pareggio e polemiche al Mapei Stadium tra Sassuolo Torino. Non si meritava di perdere, la squadra di De Zerbi, che aggancia il pareggio contro un buon Torino. Grandi proteste per il gol annullato nel finale a Iago, svista arrivata con notevole ritardo dal VAR. Risultato però che è giusto, per quello che si è visto.

Grande vittoria, e soprattutto, grande Quagliarella, nella vittoria della Sampdoria ad Empoli. La squadra toscana lotta, rimane in partita, ma deve cedere nel finale alla doppietta di Caprari, appena entrato.

La Samp si avvicina notevolmente al quarto posto, e continua a sperare in un grande piazzamento. Per Caputo e compagni continua la lotta per non retrocedere.

Altra vittoria pesante della giornata è quella del Genoa, contro l’Atalanta che perde una partita importante nella mischia per l’Europa. La 17esima giornata regala il ritorno alla doppietta per Piatek, che trascina i suoi verso punti importanti.

Risultato però che fa più male alla squadra del Gasp, che dovrà ripartire di nuovo dalla prossima giornata.

Pari nel primo scontro salvezza tra Udinese e Frosinone

L’Udinese si illude con Mandrogara, poi viene trafitta dal rigore di Ciano nel secondo tempo per il Frosinone.

Pareggio che non serve a molto alle due squadre, come sempre quando si parla di partite del genere. Può uscire, comunque, con un sorriso la squadra friulana, che muove la classifica e approfitta di altre sconfitte. Per i ciociari la salvezza continua ad essere un impresa molto difficile.

Doppio pareggio nelle partite delle 18 della 17esima giornata

L’Inter viene beffata negli ultimi minuti dall’immortale Pellissier. Spreca tutto la squadra di Spalletti, esce da Verona con un pareggio che sa di sconfitta.

Continua la serie di pareggi del Chievo. Serve una vittoria per credere ancora nella salvezza, ma le ultime prestazioni regalano tanti sorrisi alla squadra di Di Carlo.

Altro pareggio, quello nel derby emiliano tra Parma e Bologna. Partita noiosa e senza grandi occasioni.

L’abbiamo definito scontro salvezza, ma per il Bologna contava molto di più. Un risultato che serve a poco ad entrambe.

Mandzukic trascina la Juventus

L’uomo dai gol pesanti, colui che non tradisce mai i grandi appuntamenti: Mandzukic segna, la Juventus continua a vincere.

Ne fa le spese la Roma, che cade per l’ottava volta consecutiva, in campionato, allo Stadium.

Giallorossi brutti e arrendevoli nel primo tempo, rimangono in partita e cercano il colpaccio nella ripresa, che non arriva. Meglio comunque di altre uscite stagionali.

La Juve sembra ancora con il freno a mano tirato, vincendo ancora però, e laureandosi campione d’inverno con due giornate di anticipo.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *