Fognini, la miglior stagione in carriera

Considerato da molti il miglior tennista italiano degli ultimi anni, Fabio Fognini chiude la sua stagione agonistica con soddisfazione e gioia.

Questo 2018 per Fognini è significato continuità, quella che per tutta la carriera non ha mai avuto. È come se a 31 anni, il campione di Sanremo, abbia messo la testa apposto.

La continuità gli è sempre mancata. Grandi prove, ottime prestazioni nel corso della sua carriera, ma mai però espresse in un lungo periodo. Diversi exploit in qualche torneo, ma poi la riconferma che non arrivava mai, quando ce ne era il bisogno.

Fognini ha deciso quest’anno di chiudere qui la sua stagione, dopo la sconfitta con Federer agli ottavi di finale del Masters di Bercy.

Visto i forfait di vari protagonisti, Fabio Fognini rientrava come riserva delle ATP Finals di Londra. Riserva che non farà però, visto la rinuncia e la decisione di chiudere qui la stagione, per riposarsi e passare più tempo con la famiglia.

Un 2018 pieno di soddisfazioni per Fognini

La sua maturità è venuta finalmente fuori in questo 2018. Un anno importante dove ha eguagliato il beat ranking in carriera, 13esima posizione nella classifica mondiale.

Tutto questo grazie alle tante vittorie e alle buone prestazioni fornite. Sono infatti 3 i tornei vinti, tutti titoli che vengono dal circuito ATP 250, due vittorie su terra e una su cemento. Sempre nel stesso circuito, vanta una finale persa, a Chengdu, contro Coric, dopo aver dominato è quasi chiuso il match.

Molto bene anche nei tornei che contano, negli Slam. Certo, non a livelli dei grandi, non a livello della seconda parte di stagione di un fenomeno come Djokovic, ma sicuramente una costanza che gli è mancata negli anni passati.

Fognini chiude il 2018 con gli ottavi raggiunti sia agli Australian Open che al Roland Garros, poi il terzo turno a Wimbledon e il secondo agli US Open, che segnano comunque punti importanti per la classifica.

Insomma un annata positiva per Fabio Fognini, che segna la crescita di un atleta dalle potenzialità enormi, ma mai esplose in maniera concreta.

La serenità e la pace della sua famiglia, sicuramente gli ha dato vitamina, ed ora questo nuovo Fognini è chiamato nell’impresa di riportare qualcosa di davvero importante al tennis italiano.

Ci aspettiamo un 2019 ancora più importante e grande, con il sanremese che dovrà puntare all’ascesa finale della sua carriera.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *