Il triste finale della favola del Leicester

Leggi Leicester e pensi subito al 2016, a quella favola calcistica che si è realizzata, a quella Premier League vinta sotto gli occhi di tutto il mondo. Pensi al Leicester e ti scende la lacrima, perché diventa la squadra di tutti, quella che ha sconfitto le big inglesi. La squadra dei gol di Vardy, delle prodezze di Schmeichel, delle giocate di Mahrez.

Insomma la squadra del sogno, della favola, dell’amore calcistico. La squadra rilanciata e coccolata da Vichai Srivaddhanaprabha, il magnate buono thailandese, presidente del Leicester.

Tutto questo per riportarci al giorno d’oggi, ad un tragico presente. Al termine della partita casalinga del Leicester contro il West Ham di sabato, l’elicottero con all’interno il patron thailandese, precipita su un parcheggio. Incendio, panico e tanta paura. Poi le notizie che cominciano ad arrivare, il presidente Vichai Srivaddhanaprabha coinvolto all’interno dell’elicottero, insieme ad altre 4 persone.

Una tragedia, una notizia che ha sconvolto il calcio inglese, che ha portato sgomento tra i tifosi e i calciatori delle Foxes.

Il magnate buono, colui che ha portato nella storia il Leicester

Una squadra come tante altre. Una media squadra dell’Inghilterra. Tutto questo fino a quando, nel 2010, Vichai Srivaddhanaprabha compra il Leicester, allora militante in Championship, e lo rilancia nel calcio che conta. Arriva in pochi anni la promozione in Premier League, la salvezza per il rotto della cuffia nel 2015 e poi lo storico scudetto nel 2016.

La Premier League vinta con Ranieri in panchina, che non smetterà mai di ricordare e ringraziare il suo presidente. Quel 2016 abbiamo tutti tifato Leicester, perché era la favola del mondo del calcio. In tutto il mondo si seguiva ogni partita delle Foxes, con la speranza che finisse come in un film, con la vittoria del titolo.

Un finale bellissimo, a lieto fine direbbero in tanti, o meglio direbbero tutti, fino a quel momento. Ma su alcuni film, dopo i titoli di coda, arriva un finale differente, che rimette in gioco tutto, e in questo caso il destino ha voluto rimettere in gioco la vita di Sichai, il magnate buono che ha creato tutto questo.

Una favola costruita con bontà, quella che aveva il presidente del Leicester, che viziava i suoi giocatori, che poi lo ripagavano in campo. Un uomo gentile, buono che noi non conoscevamo, è vero, ma trasmettiamo quello che ci hanno lasciato con i vari racconti. Per lui i soldi non erano tutto, anzi erano quel che serviva per aiutare gli altri. Ha contribuito con il suo denaro ad aiutare l’ospedale di Leicester, i malati. Questo era Vichai, un uomo duro, con un grande senso degli affari, ma allo stesso tempo gentile, onesto, un presidente o meglio un capo, che tutti vorrebbero.

Da tifosi, grazie Vichai.

Ora il calcio inglese piange, tutta la città di Leicester piange. Una favola iniziata nel migliore dei modi, portata a livelli altissimi. Ben vista da tutto il mondo. Una favola che la parola lieto fine non potrà scriverla.

Ci stringiamo nel ricordo di Vichai Srivaddhanaprabha, uomo buono, magnate del calcio, presidente e tifoso del Leicester, portandolo sempre nel cuore, ognuno di noi. Se nel 2016 abbiamo gioito, pianto, ci siamo emozionati, è merito suo, ed ora merita l’ultimo saluto come si deve. Questa favola non finirà con un bel finale, ma i dei del calcio sapranno ringraziare ancora una volta Vichai, l’uomo che ha creato il sogno calcistico contemporaneo.

 

Please follow and like us:

Un pensiero riguardo “Il triste finale della favola del Leicester

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *