Marquez batte Dovizioso, mondiale sempre più suo

Nel circuito di Buriram, in Thailandia, è andata in scena un inedita, e spettacolare, prova della MotoGP. A spuntarla è ancora lui, sempre lui, Marc Marquez.

Marquez batte Dovizioso all’ultimo giro, dopo una serie di sorpassi, e si prende la vittoria. Bella, importante, che gli fa già assaporare il gusto del suo settimo mondiale.

Ne abbiamo visti tanti di duelli in queste ultime due stagioni tra Dovi e Marc, sempre finiti allo stesso modo, incroci di traiettorie e vittorie da spartire. Ultimamente sempre meglio il Dovi, cresciuto e maturato in maniera esponenziale, insieme alla sua Ducati.

Questa volta però, nel duello degli incroci, la spunta il pilota spagnolo, all’ultima curva. Un grande Marquez, che quando è chiamato in causa, risponde sempre presente, e non sbaglia mai.

Una gara di controllo, poi gli ultimi giri da fenomeno di Marquez

E’ stata una gara molto tranquilla per gran parte dei giri, con i primi raggruppati. Vinales, Rossi, Pedrosa (fino alla caduta), sembrarono giocarsela fino alla fine.

Il problema di questa gara, come in diverse in questa stagione, era di mantenere le gomme fino al traguardo. I centauri si sono risparmiati, ma fino ai 3 giri finali, dove è iniziata la guerra.

Sorpassi e controsorpassi tra Marquez e Dovizioso, che si scambiano la prima posizione diverse volte, con gli incroci di traiettoria ad emozionare. Tutto questo fino all’ultimo giro, quando lo spagnolo tira fuori tutto il suo talento, con un sorpasso da ricordare. Una staccata e un ingresso in curva, a posteriore alzato. Marquez dentro e Dovi dietro. Ultima curva, attacco disperato del Dovi con Marquez che resiste e incrocia. Taglia il traguardo Marc, suona l’ennesima meraviglia stagionale, per un titolo che si avvicina.

Mondiale ad un passo per Marc Marquez

Manca poco, e forse poteva già essere suo, se si era corso il Gp di Silverstone. Ma questi sono dettagli. Perché Marc il titolo lo festeggerà a breve, forse già alla prossima gara.

Un mondiale dove fino a qui non c’è stata storia. Qualche alto e basso, ma lo spagnolo non è mai sembrato in grado di perderlo.

Pilota fantastico, che guida sempre con più saggezza. Diventato pure calcolatore negli ultimi anni, facendo sfogare gli altri per andare a prendersi poi lui stesso il titolo.

Ha solo 25 anni, e sta riscrivendo ogni record, mirando a quelli già scritti dal suo idolo da bambino, ora rivale in pista, Valentino Rossi.

Questo settimo mondiale sta per arrivare, e Marc oggi ha messo un’altra pietra miliare per il suo cammino, festeggiando come non ci fosse un domani, perché il presente è ora, e porta il nome del pilota numero 93, il più forte al mondo, MARC MARQUEZ.

Please follow and like us:
error

2 pensieri riguardo “Marquez batte Dovizioso, mondiale sempre più suo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *