Auguri Cannavaro! L’ultimo capitano azzurro ad alzare la coppa del mondo

L’ultimo capitano della nazionale italiana campione del mondo, l’ultimo pallone d’oro italiano. L’ultimo di una grande era di campioni. Spegne oggi 45 candeline, Fabio Cannavaro, il capitano della nazionale campione del mondo 2006.

Cannavaro, l’ultimo capitano vincente

Pare ieri, ma sono già passati 12 anni, da quella bellissima notte di mezza estate. La notte dove l’Italia si laureo campione del mondo per le quarta volta nella sua storia. In quella notte, ad alzare la coppa più prestigiosa c’era lui, Fabio Cannavaro.

Da quell’estate è passata un eternità. Quel 2006 è stata l’ultima nota positiva per il calcio italiano. Da li è iniziato il declino. A distanza di 12 anni, non siamo riusciti a qualificarci ai mondiali, ed ora, il nuovo ciclo che porta agli Europei del 2020, non sembra essere partito con il piede giusto.

Eppure il tempo passato non è molto, ma per quello che è successo nel mezzo, è praticamente un eternità.

Cannavaro fu l’ultimo capitano azzurro ad alzare un trofeo, l’ultimo vincente. Quello stesso anno, gli fu assegnato anche il Pallone d’Oro, anche se probabilmente era un trofeo da dividere a metà con Buffon.

Oggi che compie gli anni, la memoria ci porta a pensare, per forza di cose, a quell’era gloriosa per noi. Quella semifinale contro la Germania, dove abbiamo ancora tutti nella testa le urla di Caressa, prima del gol di Del Piero.

E’ stato un grande capitano per la nazionale, un grande trascinatore. Ha rappresentato quella fascia come pochi prima di lui. Un simbolo vero e proprio, che nessuno si dimenticherà.

Dal Parma alla Nazionale, dalla Juve alla Cina, la carriera di Cannavaro

Nel giorno del suo compleanno però, non è giusto ricordare solo quel bellissimo 2006. Non è giusto nemmeno parlare di un Italia oramai in crisi.

Di Cannavaro va ricordata una splendida carriera, con tante tappe, a volte controverse, ma sempre significative.

L’inizio con il Napoli, la sua città, ed il tradimento, per forza di cose, con destinazione Parma. Gli anni d’oro nella società emiliana, dove ha costruito una difesa storica, con Buffon e Thuram. Tra tutto gli è valsa anche la Coppa UEFA nel 98-99.

Poi il passaggio all’Inter, dove rivelerà più avanti nella sua carriera, di non aver fatto la scelta giusta, ma che comunque è stata una tappa importante per la sua carriera.

Lascia l’Inter per approdare alla corte di Capello alla Juve, e dove ritrova Thuram e Buffon. Una squadra destinata a vincere tutto, ma che nel 2006 venne retrocessa in Serie B. Da li, la fuga di tanti calciatori, Cannavaro compreso, che dopo il mondiale vinto, si accasa al Real Madrid.

In Spagna, praticamente, gioca le ultime stagioni importanti della sua carriera. Anche se oramai il meglio già lo aveva dato.

Il ritorno alla Juve per una stagione, prima di andare a chiudere la carriera negli Emirati, sono gli ultimi scampoli di una carriera gloriosa per Cannavaro.

Ora ha intrapreso la carriera di allenatore, ed al momento allena in Cina il Guangzhou.

Un futuro da allenatore in Italia però, sarebbe la ciliegina sulla torta per completare la sua meravigliosa carriera nel mondo del pallone.

Una carriera bellissima, fatta di grandi successi. Ha segnato una generazione intera, quella che ha esultato nella notte di Berlino.

La carriera di Cannavaro ci riporta indietro nel tempo, a momenti migliori del nostro calcio. Torniamo a pensare continuamente al passato, perché in fondo, tanti anni fa, si stava di gran lunga meglio.

 

 

Please follow and like us:
error

Un pensiero riguardo “Auguri Cannavaro! L’ultimo capitano azzurro ad alzare la coppa del mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *