Francesca Schiavone si ritira

Da oggi la possiamo considerare ufficialmente una ex tennista. A 38 anni, e dopo una carriera gloriosa, Francesca Schiavone ha annunciato il ritiro dal tennis giocato. In un intervista dichiara di essere soddisfatta della sua carriera sportiva e che è il giusto momento per dire basta. Ora l’obiettivo è diventare allenatrice, come dichiara la stessa Schiavone. Un allenatrice, magari, che cresca i campioni di domani, e che riesca a farli arrivare dove pochi in Italia, come lei, ci sono riusciti.

Il Roland Garros del 2010 e le Fed Cup della Schiavone

Lascia una grande tennista del panorama mondiale e soprattutto italiano. Una delle più importanti di sempre per il movimento azzurro. La prima donna capace di vincere un torneo del Grande Slam, il Roland Garros. Eguagliata poi nel 2015 da Flavia Pennetta nello U.S. Open.

Pare ieri ma sono passati già 8 anni da quel 5 giugno del 2010, quando la Schiavone riscrisse la storia del tennis italiano. La “leonessa”, così soprannominata, vinse il suo primo e unico Roland Garros, battendo in finale l’australiana Stosur. Un pagina di storia che fu scritta in quella giornata e che rimarrà nei nostri ricordi per sempre.

Tentò poi di bissare l’impresa anche nel 2011, sempre in terra francese, ma arrivata in finale, trovò la cinese Na Li a sbarrargli la strada. poco conta questa sconfitta, perché arrivare per due anni di fila in una finale dello Slam, è segno di grande forza.

Quello che ci ha lasciato la leonessa è qualcosa di davvero importante.

Ha fatto parte di un era d’oro per il tennis italiano femminile. Insieme a compagne come Pennetta, Vinci e Errani, è stata capace di portare a casa 3 Fed Cup, tra il 2006 e il 2010. Un movimento, quello femminile, che ha brillato e non poco in quei anni, guidati dalla grinta della Schiavone.

Lascia quindi una grande campionessa, che ci ha regalato enormi gioie e soddisfazioni. Una ragazza prima, ma un atleta soprattutto, piena di grinta e talento. Una cattiveria agonista che metteva sul campo da gioco, fuori dal comune.

Con le sue doti, è stata capace di avvicinare parecchie persone al tennis, soprattutto chi non lo segue abitualmente. Una vera e propria campionessa, che ha coronato il sogno di tutta una vita e che ora, saggiamente, capisce che è il momento di dire basta.

Ci mancherà la Schiavone, mancherà a tutto il tennis italiano. Atlete come lei non nascono tutti i giorni, ci vorrà tempo prima di trovare la degna sostituta.

Grazie Francesca per le gioie che ci ha regalato. Buona fortuna per l’inizio di una nuova vita.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *