Mercedes ordini di scuderia si, ma così si esagera

Che sia stato un weekend nero e da dimenticare per la Ferrari, lo sanno tutti. Perdere il gran premio di casa, quando parti quasi con i favori del pronostico, fa male. La Mercedes è riuscita a fare il colpaccio con Hamilton, a casa ferrari, come d’altronde lo stesso cavallino rampante aveva fatto a Silverstone.

Quello che forse da più fastidio è il comportamento della Mercedes stessa. Hamilton si è dimostrato ancora un gran pilota, che sfrutta tutte le occasioni che gli capitano, ma in questo gran premio soprattutto, dovrà pagare più che una cena al compagno di scuderia Bottas.

La Mercedes ai limiti della correttezza sportiva

I giochi di squadra ci sono sempre stati in Formula 1. Li fanno tutti, li fa la Ferrari per prima. Quello che però sta accadendo durante questo mondiale dalle parti della Mercedes, è qualcosa che rischia di andare oltre.

Favorire il proprio compagno di squadra, messo meglio in classifica, cedendogli la tua posizione, è una mossa che ci può stare. Lo fanno tutti, ed è giusto così. E’ giusto che una scuderia, se ne ha la possibilità, cerchi di guadagnare il più possibile, in termine di punti e posizioni durante la gara. Quello che non è giusto, o per lo meno, diventa ailimiti della correttezza, è il comportamento di Bottas nei confronti di Raikkonen, in quel di Monza.

Sacrificare un tuo pilota, per rovinare la gara di un avversario, pare esagerato. La strategia Mercedes era bene chiara d’altronde, non importa quanto arrivi Bottas, l’importante che si fermi e rallenti Raikkonen. Esplicitamente richiesto ed eseguito.

Che poi Valtteri, ha fatto di peggio. Kimi, non riuscendo a superarlo, ha danneggiato notevolmente le sue gomme, favorendo così ancor di più la vittoria di Hamilton.

Oltre tutto anche un po’ di fortuna per la Mercedes

La fortuna, oltre tutto, ha poi voluto che Bottas riuscisse ad arrivare al podio. Ingenuità di Verstappen forse, fatto sta che dopo la pessima gara, a livello di prestazione, del finlandese della Mercedes, è arrivato anche il premio, non del tutto meritato.

Un comportamento a mio vedere, non molto corretto, e non accettabile. I piloti di Formula 1 vivono un sogno, e devono correre ogni gara sognando di arrivare più avanti possibile, e magari vincere, per entrare definitivamente nella storia.

Non si può sacrificare una gara, anche se poco importante per te al momento, per rovinare la prestazione di un tuo collega in pista. Comportamenti sgradevoli e non efficienti!

Si accettano i giochi di squadra, quelli corretti, quelli che servono e che facciano parte della sana competizione sportiva. Non si accettano mosse fatte in questa maniera.

E’ come se ieri, in modo virtuale, Bottas abbia buttato fuori Raikkonen.

La stessa cosa , in modo reale, la poteva fare Kimi con Hamilton, magari per frustrazione. L’orgoglio e l’umiltà del pilota Ferrari però, è ben diverso, e in certi casi viene fuori tutto.

La Mercedes ieri ne è uscita vittoriosa, ma in maniera molto sporca. Non sempre ti può andare bene, perché prima o poi la sorte gira a vento frontale, e rischia di farti pagare tutto quello che tu pensi di aver fatto nel giusto.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *