Analisi e Approfondimenti seconda giornata Serie A

Torna la rubrica settimanale, con l’analisi della seconda giornata, che ci accompagnerà fino a fine stagione della Serie A.

Seconda giornata alla spalle, con tutte le partite giocate. Esordio per le due genovesi, dopo i fatti del ponte di Genova, ed esordio pure per il nuovo Milan. Andiamo ad esaminare cosa è successo.

Juventus e Napoli rimangono le prime della classe

 

Come abbiamo lasciato la scorsa stagione, si è ripreso, Juventus e Napoli continuano a dettare legge in Serie A. Merito di continuità e forza tecnica e mentale.

La Juventus apre anche la seconda giornata di Serie A, e lo fa nel primo big match del sabato, contro la Lazio. I biancocelesti giocano bene, e rendono la partita difficile a madama. La qualità e i campioni della Juve però, fanno la differenza. Punteggio pieno con il minimo sforzo per i bianconeri, che aspettano ancora il primo gol di Ronaldo.

Con un po’ più di fatica, ma pur sempre a punteggio pieno, troviamo il Napoli, che con la seconda rimonta in due partite, batte all’esordio casalingo il nuovo Milan di Gattuso. Partita caratterizzata dagli episodi, ma dopo i problemi dell’estate, i partenopei si confermano insieme alla Juve, padroni di questo avvio di campionato.

Situazioni differenti per le due sconfitte dei big match di sabato. Il Milan ha fatto il suo esordio in campionato con un ottima prova, fino al primo gol del Napoli. Poi il diavolo si è spento, soprattutto a livello mentale, cosa su cui dovrà lavorare molto Gattuso. Una squadra che deve migliorare ancora tanto se vuole competere per i posti che contano in Europa.

Due sconfitte su due per la Lazio di Simone Inzaghi. E’ vero, due sconfitte contro le prime della classe, però qualcosa di più poteva venirne fuori. Fatto solo il compitino, come dice appunto Inzaghi, in una squadra che può far molto di più. Sfortuna nel sorteggio, ma anche segnata dalla mancata qualificazione alla Champions della scorsa stagione. In più tradita dal non ottimo momento di forma dei suoi migliori uomini, Milinkovic su tutti.

Inter, altra figuraccia, Roma-Atalanta regalano spettacolo

Se la prima era andata male, forse questa seconda giornata, davanti al proprio pubblico, è andata anche peggio. Avanti di due gol, l’Inter si fa rimontare dal Torino nella ripresa e porta a casa solo un punto. Prestazione ottima nel primo tempo per i nerazzurri, che nella ripresa hanno totalmente staccato la spina. La squadra di Mazzarri si conferma come dura da battere, ma, per come si era messa la partita, il risultato finale è solo demerito del club milanese.

Il ;Monday Night invece, regala ancora spettacolo. Roma Atalanta disputano una bellissima partita. I bergamaschi, sotto il segno di un ottima condizione fisica per via della coppa, regalano un grande primo tempo all’Olimpico. Avanti 3-1 con doppietta del ne arrivato Rigoni. Ripresa nel segno dell’orgoglio giallorosso e del leggero calo dell’Atalanta. 3.3 il risultato finale, segno di calcio spettacolo.

Pareggio che ci può stare per la Roma, perché incontrare l’Atalanta ora, sarebbe difficile per chiunque. Un punto buono per proseguire il buon inizio dei giallorossi. L’Atalanta invece ha sognato il colpaccio. Per poco non riuscito, ma un punto che alla fine va accettato, contro una grande squadra. La certezza però è che, i bergamaschi, sono una squadra che nei primi posti ci sa stare.

La Fiorentina surclassa il Chievo, pari e spettacolo tra Cagliari-Sassuolo

L’esordio in questa stagione della Fiorentina è puro calcio spettacolo. Va detto che il Chievo, al di la della buona prova d’orgoglio contro la Juve, ha fatto poco che niente. La squadra di Verona dovrà fare un grande campionato per evitare la retrocessione quest’anno. Ma tornando ai viola, vanno fatti i complimenti, ad iniziare da mister Pioli. Ma poi da non trascurare la potenza di fuoco offensiva che ha la squadra. Il diamante sempre più splendente che è Chiesa, insieme al Cholito Simeone, che rischia di diventare un grande crack per la viola. Una squadra, la Fiorentina, che può tranquillamente lottare per posti importanti in Europa.

Partita bellissima quella giocata alla Sardegna Arena. Cagliari per due volte in vantaggio, con il bomber Pavoletti, ma ripreso da Berardi e compagni. Il rigore segnato al 99mo è la dimostrazione della grande partita che ha potuto assistere il pubblico.

Due squadre Cagliari Sassuolo, che si giocheranno posti da metà classifica, perché il potenziale c’è, e possono regalare soddisfazioni ai propri tifosi.

La seconda giornata delle altre

Seconda giornata e seconda vittoria per la Spal, che grazie la bomber e trascinatore, Antenucci, mantiene il punteggio pieno a sorpresa, e si tiene li davanti in classifica. La squadra emiliana, dopo la salvezza della scorsa stagione, batte il Parma, in cui c’è tanto da rivedere, e con ottima serie positiva, vuole tirarsi fuori dalla lotta per non retrocedere.

Esordio stagionale in campionato per le genovesi, con il cuore che rimane li sospeso, sul ponte che non c’è più. Convincente la prima del Genoa, trascinata da Piatek, che può diventare il crack del mercato genoano. Buona la prima perché batte si una neo promossa, ma l’Empoli, pare tutto tranne che un ex squadra di B. Un gruppo già solido, e la vittoria dei rossoblu è un grande risultato.

Invece per la Sampdoria l’esordio in campionato è amaro. Squadra blucerchiata battuta da una buona Udinese, che sotto la guida di Velazquez, sta cominciando a prendere la strada giusta. Rispetto alla scorsa giornata, la squadra friulana ha dimostrato qualcosa in più, quello che invece è mancato alla Samp. L’ammazza grandi della scorsa stagione, non ha impressionato, anzi tutt’altro. Ripetere la scorsa stagione non sarà facile per Giampaolo, ma il campionato per loro è appena iniziato, la strada è molto lunga.

Infine partita noiosa tra Frosinone Bologna, dove regna la paura di perdere di entrambe. Si può già definire scontro diretto per la salvezza, e alla fine, essendo alla seconda giornata, un punto va bene ad entrambe. Ricominciare a lavorare da un pareggio, è sicuramente migliore che studiare da una sconfitta. Per Pippo Inzaghi la strada della sua nuova avventura, è ancora molto in salita. Il lavoro da fare è tanto, e una piazza come Bologna merita sempre parecchio rispetto.

 

 

 

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *