Nel giorno di Ronaldo, Bernardeschi si prende la scena

E’ stata una Juve a due facce, quella vista nella prima giornata della nuova stagione di Serie A. L’attesa era tutta per il debutto di Ronaldo, e le promesse sono state parzialmente mantenute. Ma nel giorno di CR7, la scena se la prende, di prepotenza, Federico Bernardeschi.

Il carrarese, in meno di un tempo (subentrato a cuadrado nella ripresa), cambia la partita. Fresco si, in un calcio d’agosto è anche normale, ma i movimenti sono quelli giusti, quelli di chi ha fatto la gavetta per un anno, ed ora, si vuole prendere la scena.

Può essere la stagione di Bernardeschi

Il calcio d’agosto va preso con una buona dose di riservatezza. Le squadre sono piene dei carichi di lavoro, accumulati nella preparazione estiva, in più il caldo gioca una parte importante nella partita. Per la Juve è stata una vittoria importante, specie per come si era messa la partita stessa. Alla fine una sconfitta o un pareggio non guastava niente, siamo appena all’inizio, però la vittoria serve per partire bene e per correggere con serenità gli errori commessi. Stesso discorso si può fare del Napoli.

Vittoria della Juve che però porta nome e cognome, Federico Bernardeschi.

Entrato nella ripresa, ha dimostrato di avere un altro passo, e soprattutto, la concentrazione giusta per fare bene. Un gol non difficile, da opportunista, da chi ci si butta e ci crede fino in fondo.

E’ stata un annata positiva quella passata, dove la sua crescita è stata costante. Un anno di gavetta che è servito a Bernardeschi, per capire il mondo Juve, ma cosa più importante, capire cosa comporta giocare in una grande squadra. Nel momento di miglior forma la scorsa stagione, è arrivato un infortunio che ha complicato un po’ le cose. Sicuramente poteva essere un finale di stagione diverso per lui, ma il lavoro fatto quest’estate, ha dimostrato la serietà e la professionalità di questo ragazzo.

Nell’anno di Ronaldo alla Juve, un giovane talento italiano rischia di sbocciare definitivamente. Merito di una buona gestione tecnico e tattica. Merito anche e soprattutto, di una maturità e consapevolezza che, a partire da ora, Federico Bernardeschi può essere decisivo e fondamentale nel corso della stagione per Juve e Nazionale.

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *