Calciomercato Premier chiuso, i big non si muovono

Si è concluso il 9 agosto il calciomercato inglese, in vista dell’inizio della Premier League in questo weekend. La chiusura riguarda il mercato in entrata, ma c’è ancora la possibilità di vedere qualche giocatore salutare la Premier per altri campionati.

E’ stato, almeno fino adesso, il calciomercato con più soldi spesi, rispetto ad altri campionati. Non è una novità oramai. Da anni le squadre di Premier si confermano tra le più ricche. Non solo le big, ma anche le squadre di metà classifica sono in grado di supportare grandi spese.

Quest’anno però, al di la delle grandi cifre spese, non ci sono stati acquisti che hanno fatto scalpore. Nessun vero big si è mosso, considerando che le cifre più alte spese sono state per dei portieri. Le grandi squadre non hanno cambiato granché il proprio organico, alcune addirittura, sono rimaste le stesse.

I colpi messi a segno dalle big di Inghilterra

Come abbiamo detto, è stato un calciomercato inglese, che al di là delle cifre spese, non ha registrato grandi movimenti tra i giocatori più importanti.

Il Manchester City campione in carica, di Pep Guardiola, ha fatto segnare l’unico vero colpo in Riyad Mahrez, vecchio pupillo dell’allenatore catalano. I cugini del Manchester United invece, non fanno registrare un grande mercato, l’unico colpo noto da segnalare è il brasiliano Fred. Solo questo fa capire che è stata un estate strana in Inghilterra, con Mourinho che si dovrà accontentare di molto poco.

Mercato un po’ più movimentato per l’Arsenal, che dopo l’addio di Wenger, sta ricostruendo la sua squadra partendo dalle basi solide di Emery. Il bel colpo in porta, con l’arrivo del portiere tedesco Leno, e l’esperienza aggiunta in difesa con Sokratis Lichtsteiner, fanno da tramite per il buon colpo a centrocampo del giovane talento uruguaiano, ex Sampdoria e Pescara, Torreira. Una squadra quindi che ha iniziato a rivoluzionarsi, con buone speranze per il futuro.

Chelsea che cambia allenatore, ma manca il grande colpo in attacco come Higuain e si accontenta nelle ultime giornate di chiudere due grandi colpi come Kovacic e soprattutto il portiere più pagato della storia del calcio Kepa.

Record che ha superato quello stabilito pochi giorni prima da Alisson, nuovo portiere del Liverpool. I reds, tra le big di Inghilterra, forse hanno fatto il mercato migliore. Oltre al portiere brasiliano, si sono assicurati il talento di Shaqiri e la freschezza di Fabinho e Naby Keita. Per Klopp quindi, si prospetta un anno importante, dopo la finale di Champions della scorsa stagione, in cui il Liverpool è chiamato a grande voce in tutte le competizioni.

Lo strano caso del Tottenham

Merita una menzione a parte il club londinese guidato da Maurizio Pochettino. Il Tottenham non ha fatto registrare colpi ne in entrata ne in uscita. L’allenatore Pochettino ha poi dichiarato che, le importanti spese per la costruzione del nuovo stadio, hanno portato via parecchio denaro. Cosi che, gli Spurs, sono rimasti tali e quali all’anno scorso, con una squadra giovane e di grandi talenti, guidati da Harry Kane, alla caccia di qualche gran risultato.

Il calciomercato degli altri, piccole squadre grandi colpi

Non siamo in Italia, ma siamo Inghilterra. Già questo dovrebbe far capire tutto. Nel nostro paese, al momento, è difficile pure organizzare un campionato di Serie B, con tutti i problemi usciti fuori. Invece in Premier League, chi si può permettere grandi colpi, sono addirittura le piccole squadre.

Basta fare un esempio: il West Ham, squadra arrivata al 13mo posto, la scorsa stagione in Premier, è riuscita a portarsi a casa Felipe Anderson, per una cifra oltre i 30 milioni, e Wilshere dall’Arsenal. Grandi colpi per una squadra che se si paragona al nostro campionato, troviamo il Chievo in 13ma posizione, che ha speso poco più di 5 milioni per tutta la squadra.

Da segnalare pure il mercato dell’Everton, che all’ultimo giorno di mercato ha messo a segno il doppio colpo dal Barça, Mina Andrè Gomes. Si aggiungono a Digne Bernard. Poi ancora il Fulham che si è aggiudicato Schurrle o il Watford che ha portato via dal Barça il talento spagnolo Gerard Deulofeu.

Insomma un campionato di un altro livello, con un spessore maggiore e di conseguenza un calciomercato, anche se non rispetta le attese per le grandi, regala comunque colpi importanti per tutti.

Quest’anno i grandi colpi sono stati fatti in porta, con il record di trasferimento di un portiere battuto due volte. Ma poi la conferma, ancora una volta, del primato di campionato con più spesa dell’estate, che fa capire la differenza con gli altri paesi.

Il bel gesto fatto di chiudere il calciomercato prima dell’inizio del campionato, come in Italia quest’anno, rende risalto ancora di più.

Piano piano le parole passeranno completamente al campo, e bisognerà aspettare il prossimo inverno per modificare le rose, quindi godiamoci quello che sta per arrivare. Perché la Premier League non delude mai, e se è conosciuta come il campionato più bello al mondo, un motivo ci sarà.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *