Alessandro Miressi, il nuovo re della velocità italiana

Non so perché, ma ieri durante i 100 stile libero maschili, la gara regina degli Europei di Glasgow, mi è sembrato di rivedere nuotare in vasca Filippo Magnini. Invece no, era un ragazzone di oltre 2 metri, che vine da Torino, stiamo parlando di Alessandro Miressi, il nuovo campione europeo dei 100sl.

Io personalmente, in Miressi, ho rivisto l’ascesa di Filippo, quando “Re Magno”, con le sue progressioni mostruose, dominava a livello mondiale i 100 metri dello stile libero. Ebbene ieri ho visto questo, non una vitoria alla stessa maniera di Filippo, ma un qualcosa che gli assomiglia molto. Con questa grande vittoria di Miressi, teniamo in casa il titolo continentale, dopo la vittoria di due anni fa a Londra di Luca Dotto.

Inizia la nuova era, quella di Miressi

Alessandro Miressi, classe’98, era alla sua prima vera chiamata tra i grandi. Già da qualche anno nuota su vasche importanti, ma in questo Europeo era chiamato alla consacrazione definitiva, e questa è arrivata. Non è una sorpresa tutto questo, ma una conferma. La conferma che abbiamo in casa un grande fenomeno che, con gli anni a venire, ci può regalare grandi gioie e soddisfazioni.

L’Europeo di Glasgow, per lui, dovrà essere solo un trampolino di lancio. Anche se questo oro è qualcosa di magnifico, deve essere comunque, e speriamo che lo sia per lui, solo l’inizio di quello che verrà.

Abbiamo tra le nostre fila una grande generazione di talenti, sia al maschile che al femminile, la Quadarella fra tutte. Il tutto guidati dalla saggezza della “Divina”, Federica Pellegrini, e dalla forza strepitosa del nostro nuotatore di punta, Greg Paltrinieri.

Detto questo, abbiamo ancora di più la certezza di avere, in casa e tra le mani, una vera e propria stella, che è pronto a brillare non solo sul campo continentale, ma a livello mondiale.

Con la speranza che tra due anni, a Tokyo, l’edizione olimpica della gara regina del nuoto si tinga d’azzurro, grazie al nostro nuovo Re, Alessandro Miressi.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *