La Francia è campione del mondo!

1998-2018, 20 anni dopo la Francia torna sul tetto del mondo. Per la seconda volta nella sua storia i “blues” sono campioni del mondo.

IL CAMMINO MONDIALE FRANCESE

Il cammino francese in questo mondiale inizia tra le tensioni e le critiche verso Deschamps, non ben visto dai francesi per sue scelte nelle convocazioni dei 23 giocatori, ma sin da prima, per i risultati e il gioco che la nazionale non esprime.

Fase a gironi

Le prime partite, quelle del girone, sono figlie (forse) dei malumori trasmessi, infatti la Francia esordisce con una vittoria non brillante contro l’Australia, dove un rigore e un mezzo autogol caratterizzano la partita. La seconda sfida con il Perù viene decisa da un gol del gioiellino Mbappè ma ancora una volta senza esprimere un grande gioco. Si chiude il girone con uno scialbo 0-0 con la Danimarca, che qualifica entrambe agli ottavi, ma non riscuote grande successo per questo inizio dei francesi.

Ottavi e quarti di finale

La super sfida degli ottavi coinvolge proprio la Francia, i blues chiamati ad affrontare l’Argentina di Leo Messi. Una partita bellissima, dove la Francia pare dominare, ma si fa rimontare quasi dal nulla dall’albiceleste. Dopo lo sbando, sale in cattedra il gioiellino Mbappè e la prova ancora una volta non bellissima dell’Argentina, che regala ai blues l’accesso ai quarti. Di nuovo però rimane il malumore, i 3 gol presi da una “scarsa” Argentina (nel 4-3 finale), mette in mostra diverse lacune difensive.

Arrivano i quarti, e arriva un altra super sfida, quella con l’Uruguay di Cavani e Suarez. Proprio l’assenza del matador per infortunio spegne già sul nascere le speranze della celeste, che combatte ma non basta. Basta invece agli uomini di Deschamps i gol di Varane e Griezmann che regalano un 2-0 e la semifinale per la Francia.

Semifinale mondiale

I blues arrivano così tra le prime 4 al mondo ma senza ancora convincere fino in fondo. Ma ora l’asticella, se possibile, si alza ancora di più, arrivano i ragazzi terribili del Belgio. Hazard e compagni si possono considerare come sorprese in questo mondiale, ma hanno dimostrato che la crescita nel corso degli anni ha dato i suoi frutti. Partita carica di significato tra le due squadre, la paura di farsi male a vicenda infatti è prevalsa. Ne viene fuori una partita scialba, come quasi tutte quelle assistite con i francesi in campo, dove però basta un colpo di testa di Umtiti a regalare la finale ai galletti, 12 anni dopo quella di Berlino 2006.

Finale mondiale

La Francia contro tutti e tutto è arrivata in finale, ma contro hanno la vera sorpresa dei mondiali, la Croazia di Modric.

Partita che si preannuncia già ricca di fascino, e che infatti regala emozioni continue. Nel primo tempo però si conferma la sostanza della Francia in questo mondiale. La Croazia domina il primo parziale ma si trova sotto 2-1 dopo un autogol di Mandzukic e il gol su rigore di Griezmann (nel mezzo il pareggio bellissimo di Perisic). Secondo tempo che riparte sui ritmi del primo, con una Croazia migliore sul piano di gioco ma che viene punita dal talento e dalla classe cristallina dei gioielli francesi. Il gol scaccia fantasmi di Pogba e la chiusura di Mbappè può iniziare a far sognare tutti i francesi. Serve a poco il gol del 4-2 di Mandzukic su errore di Lloris. I blues resistono per tutta la ripresa e si laureano campioni del mondo.

LA RIVINCITA DELLA FRANCIA

La Francia torna così campione del mondo 20 anni dopo l’ultima volta, quando ai tempi di Francia ’98 c’era un certo Zidane a guidare i blues in campo. Due decenni dopo la storia si ripete, questa volta però c’è un ragazzino terribile, di nemmeno 20 anni, che ha trascinato a questa vittoria i francesi.

La sconfitta di due anni fa all’Europeo fu bruciante, un ricordo amaro nel torneo casalingo per i blues. La Francia era nettamente favorita contro il Portogallo di Ronaldo, ma il destino voleva che a gioire fossero proprio i lusitani. Nonostante questo, i blues hanno continuato a costruire, a credere sul proprio progetto, dando piena fiducia a Deschamps, che alla fine ha avuto ragione, e con 2 anni di ritardo è arrivato il trofeo più prestigioso.

ONORE ALLA CROAZIA

Una piccola citazione, per il momento, per questa piccola ma grande realtà. La Croazia ha incantato in questo Mondiale, guidata dai suoi veterani (Rakitic, Mandzukic, Perisic..), e soprattutto dal suo capitano Luka Modric, eletto non a caso miglior giocatore del torneo.

Una squadra che veniva da 3 partite consecutive portate fino ai tempi supplementari, e che sul campo, fino a prima del 3-1 di Pogba, ha dimostrato di avere più energie e grinta di tutti.

Un applauso immenso alla Croazia e a tutti i croati, per quello che hanno regalato in questa competizione.

Commento finale

Abbiamo assistito ad un bel mondiale, non il più bello in assoluto, dove l’equilibrio ha regnato nella maggior parte delle partite, e dove le piccole squadre, oramai, non esistono più. Tutti lottano e credono nel risultato, anche perchè il mondiale a volte lo giochi solo una volta nella vita. Abbiamo visto grandi squadre fare un immensa fatica e salutare presto la competizione, vedi la Germania. Allo stesso tempo piccole rivelazioni, Croazia e Belgio su tutte, ma senza escludere i quarti di finale raggiunti dalla Svezia priva di Ibrahimovic.

Per quello che abbiamo vissuto in questo mese di emozioni calcistiche, posso dire che la finale tra Francia e Croazia era la più giusta per quello che hanno dimostrato. E’ anche vero che la Francia non ha emozionato o suscitato grandi simpatie lungo il cammino. Le sue vittorie sono arrivate quasi tutte per degli episodi. Ma il mondiale è questo, è un torneo strano, dove i particolari vincono. La differenza per i francesi l’hanno fatta i campioni al momento giusto, Mbappè l’ha trascinata quando c’era bisogno, Pogba e Kantè hanno disputato un mondiale incredibile ed infine Griezmann, non sempre al top, ma decisivo ne momenti chiave, come in finale.

Tutto questo però senza la guida di Didier Deschamps non era possibile. La fetta più grande di questa vittoria spetta a lui.

Complimenti alla Francia, chapeau.

 

Please follow and like us:
error

Un pensiero riguardo “La Francia è campione del mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *